Pages Menu
Categories Menu

Terragraria

TERRAGRARIA BIO SPECIFICA PER L’ORTO LT.50

novità euroterriflora 2018

TerragrariaCompleta e ricca di tutti gli elementi nutritivi biologici per il tuo orto.

UTILIZZO DEL PRODOTTO
TerrAgraria Bio è pronta all’uso per la semina e il ripicchettaggio di piantine da orto.
Senza  bisogno di aggiungere ulteriori concimazioni (o porzioni di terra/terriccio), assicura sia la radicazione che lo sviluppo vegetativo accompagnandoti fino alla raccolta dei tuoi ortaggi.
TerrAgraria Bio si può utilizzare in tutte le verdure coltivabili nell’orto.

LE VERDURE COLTIVABILI POSSIAMO SUDDIVIDERLE IN:

ORTAGGI DA FOGLIA E DA COSTA (lattuga, cime di rapa, insalata grumolo, sedano, radicchio, bieta da coste, spinaci, verza rucola, porro, finocchi, etc…)
ORTAGGI DA FRUTTO, SEME E FIORE (pomodoro, melanzana, zucchina, peperone, carciofo,zucche, broccoli, cetrioli, peperoncini, ceci, cavolfiore, etc…)
ORTAGGI DA RADICE , BULBO E TUBERO (cipolle, carote, patate, aglio, barbabietole, sedano rapa, ravanelli, etc…)

ORTAGGI DA FOGLIA
Gli ortaggi da foglia sono tutte quelle verdure che si coltivano per il consumo delle foglie. Ci sono molte verdure di questo tipo, spiccano le  insalate che si consumano crude ma ci sono anche diverse verdure da cuocere come biete da coste, verza e spinaci. Inseriamo in questa famiglia anche le verdure da costa o da gambo, come il rabarbaro e il sedano. Tra le coltivazioni da foglia ci sono anche le erbe aromatiche.

COLTIVARE VERDURE A FOGLIA E INSALATE
Le verdure a foglia sono spesso piante a ciclo colturale abbastanza breve, non dovendo aspettare che arrivino a fruttificare, hanno una coltivazione annuale, visto che nel secondo anno la pianta orticola produce il fiore e il seme. TerrAgraria Bio ha il giusto contenuto di elementi nutritivi necessario per un ottimo sviluppo fogliare. Questo tipo di piante da orto generalmente richiede annaffiature costanti, un terreno con un buon drenaggio e un’esposizione solare non eccessiva. Si tratta per lo più di piante che soffrono il troppo caldo e nei mesi estivi possono beneficiare di reti ombreggianti.

Nella coltivazione delle verdure a foglia bisogna stare attenti in particolar modo agli insetti: le larve di coleotteri e lepidotteri e le lumache possono rovinare le foglie vanificando il raccolto visto che ne vanno ghiotte. Non si devono però utilizzare insetticidi tossici, poiché le sostanze chimiche resterebbero sulle foglie che poi verranno consumate. Molte insalate al momento di raccogliere vengono tolte dall’orto perché si consuma praticamente tutta la pianta, scartando solo l’apparato radicale. Le verdure da foglia, come spinaci o insalata, non si conservano a lungo una volta raccolte. Per questo motivo è meglio nell’orto familiare pensare a una semina scalare, che garantisca un raccolto prolungato nel tempo.

ORTAGGI DA FRUTTO, DA FIORE E DA SEME
Le verdure da frutto, da fiore e da seme sono un insieme vasto ed eterogeneo di ortaggi, comprendono alcune delle principali piante da orto: ad esempio ne fanno parte la totalità dei legumi e delle piante cucurbitacee, quasi tutte le solanacee e varie altre orticole ancora. Ci sono piante il cui frutto si consuma crudo, come anguria e cetriolo, altre in cui si colgono verdure da cuocere, come le melanzane e i peperoni. In altri casi si può scegliere se cuocere o meno il frutto, ad esempio per il pomodoro.

COLTIVARE LE VERDURE DA FRUTTO
Le verdure da frutto sono piante che generalmente hanno un ciclo colturale medio lungo, visto che bisogna aspettare che la pianta porti a termine la sua riproduzione, fiorisca e fruttifichi. TerrAgraria Bio risulterà perfetta per la coltivazione di queste piante in quanto esse consumano parecchio in termini di elementi nutritivi e per questo richiedono una terra fertile e arricchita da una buona concimazione.
La fioritura e la formazione del frutto sono momenti in cui la pianta ha in genere un maggior fabbisogno di acqua, quindi bisogna essere solerti nelle innaffiature, e di luce solare, quindi meglio piantare in una parcella di orto ben soleggiata. Anticipare la semina con un semenzaio spesso porta buoni risultati, prolungando il periodo di fioritura e massimizzando quindi il raccolto.
In queste coltivazioni bisogna capire il momento giusto del raccolto, evitando di prendere frutti troppo acerbi oppure passati e quindi marci oppure semi troppo secchi o troppo freschi. Il frutto solitamente si conserva per un periodo di tempo medio breve in frigorifero, mentre gli ortaggi da seme durano più a lungo e si possono tenere anche in dispensa, purché il posto sia fresco e asciutto.

ORTAGGI DA RADICE, BULBO E TUBERO
Sono le verdure che crescono sotto terra: tuberi, come patate e topinambur, ma anche verdure da radice, come le carote e la pastinaca, oppure da bulbo come la cipolla.

COLTIVARE LE VERDURE CHE CRESCONO SOTTO TERRA
Se vogliamo che le verdure si sviluppino al meglio sotto terra in genere è molto importante prima di piantarle lavorare a fondo il terreno dell’orto. Una vangatura profonda rende il suolo meno compatto e più drenante, due cose importanti per le verdure da radice e per i tuberi. La composizione di TarrAgraria Bio aiuterà la parte sotterranea della pianta ad espandersi e ingrossare. Se ci sono nell’orto ristagni di acqua si rischia di incorrere in marciumi radicali (oppure del bulbo tubero), per questo motivo è utile nella coltivazione di ortaggi da radice predisporre canali di scolo o pensare a aiuole rialzate. La maggior parte delle verdure da radice e dei tuberi ha una buona conservazione, per cui sono coltivazioni che dopo il raccolto possono essere consumate nell’arco di un periodo di tempo abbastanza lungo, a patto che vengano pulite bene dalla terra e tenute in un posto fresco e asciutto.